Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Comunicato stampa

Dipartimento del territorio
Dipartimento delle finanze e dell'economia

26 settembre 2019

Comunicato stampa

Dipartimento del territorio
Dipartimento delle finanze e dell'economia

26 settembre 2019

Predazioni Val Canaria


Il Dipartimento del territorio e il Dipartimento delle finanze e dell’economia comunicano che le analisi genetiche eseguite a seguito dei recenti attacchi avvenuti in Val Canaria (territorio del Comune di Airolo, Ticino) e nella limitrofa Valle di Unteralp (territorio del Comune di Andermatt, Uri) hanno confermato che queste predazioni sono da attribuire ad un esemplare di lupo.

Sul territorio ticinese sono avvenute quattro distinte predazioni:
- 30 luglio 2019, 9 pecore;
- 11 agosto 2019, 13 pecore;
- 13 agosto 2019, 12 pecore;
- 23 agosto 2019, 7 pecore;
per un totale di 41 pecore predate dal lupo.

Le predazioni sono avvenute in varie corti dell’alpe di Froda situato in Val Canaria. Nella suddetta regione d’estivazione sono presenti delle misure di protezione e altre sono state adottate dopo il terzo attacco. Malgrado ciò, il lupo ha predato pecore che si trovavano all’esterno dei recinti elettrificati e senza cani di protezione, motivo per cui, in base a quanto prevede la Strategia Lupo Svizzera, nessun esemplare può essere conteggiato ai fini di un rilascio di un’autorizzazione d’abbattimento.

Tutti i capi predati saranno rimborsati all’allevatore. Inoltre agli allevatori confrontati con questa difficile situazione saranno indennizzati anche gli incomodi subiti.

Ad oggi, dopo l’ultimo attacco del 23 agosto, non ci sono più stati riscontri della presenza del lupo in zona.



Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Dipartimento del territorio - riguardo le predazioni

Federico Tettamanti, Ufficio della caccia e della pesca, federico.tettamanti@ti.ch,

tel. 091 / 814.28.71

 

Dipartimento delle finanze e dell’economia - riguardo le misure di protezione

Daniela Linder Basso, Sezione dell'agricoltura, daniela.linderbasso@ti.ch,

tel. 091 / 814.35.47