Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Comunicato stampa

Dipartimento del territorio

05 dicembre 2019

Comunicato stampa

Dipartimento del territorio

05 dicembre 2019

Giornata mondiale del suolo

In occasione dell’odierna Giornata mondiale del suolo, il Dipartimento del territorio (DT) intende sensibilizzare la popolazione sulle tematiche d’attualità ad esso correlate, in particolare in relazione al corretto uso di pesticidi e ai cambiamenti climatici.


Il suolo è una risorsa dell’ambiente limitata ed esauribile, fondamentale per la vita dell’uomo e degli altri esseri viventi. Esso svolge, inoltre, diverse importanti funzioni all'interno di un ecosistema, e in particolare: costituisce l'habitat per microorganismi, piante e animali, funge da filtro per depurare le acque e arricchirle in sali minerali, regola la temperatura dell'ambiente e, non da ultimo, rappresenta un archivio della storia della Terra.

Il 5 dicembre, Giornata mondiale del suolo, offre l’opportunità di rammentare l’importanza di questo comparto. Nella fattispecie, tutti gli approfondimenti sul tema sono disponibili sulle pagine del sito tematico del DT dedicato alla protezione qualitativa del suolo (www.ti.ch/suolo), aggiornato per l’occasione.

Suolo dell’anno 2020

Per sottolineare la ricorrenza della Giornata mondiale del suolo, la Società Svizzera di Pedologia (SSP) seleziona annualmente una tipologia di suolo proclamandola suolo dell'anno. Nel contempo viene messo a disposizione dei cittadini del materiale informativo d’interesse generale.

Per il 2020 la SSP ha designato suolo dell’anno il suolo alluvionale.


Pesticidi – Fitosanitari e Biocidi

La presenza di residui di fitosanitari e biocidi nelle acque è stata oggetto di numerosi approfondimenti e discussioni. Nel suolo, dove queste sostanze si depositano direttamente o a seguito delle piogge, il comportamento e i possibili effetti di tali residui – per esempio sui diversi organismi che svolgono un ruolo importante per il mantenimento di funzioni e fertilità – sono ancora poco studiati. Nell’ambito del Piano d’azione federale sui prodotti fitosanitari, la Confederazione sta sviluppando indicatori e specifiche per procedere alla raccolta di dati utilizzabili. L’obiettivo consiste nel gettare le basi per tutelare maggiormente la fertilità del suolo nelle procedure normative e nelle applicazioni, contenendo i rischi esistenti.

Alla luce delle importanti funzioni di un suolo fertile e attivo biologicamente, per esempio la degradazione di sostanze estranee a tutela delle acque sotterranee, si rinnovano, richiamando il principio di precauzione, i consigli a evitare o ridurre il consumo di fitosanitari e biocidi, prediligendo alternative meno impattanti. In caso d’impiego, vanno rispettate rigorosamente le indicazioni riportate sulle etichette, garantendo il corretto smaltimento dei residui.

Per maggiori informazioni: www.ti.ch/prodotti-chimici


Suolo e cambiamenti climatici

Oltre alle funzioni già citate, il suolo - unitamente agli oceani e alle fonti di energia fossile - costituisce una delle riserve di carbonio più preziose. Infatti, parte del carbonio presente in atmosfera sotto forma di anidride carbonica (CO2) è assorbito e immagazzinato nel suolo grazie alla degradazione e decomposizione da parte di funghi e batteri di residui di vegetali e di organismi morti. Un uso inappropriato e la perdita di suolo a discapito di superfici impermeabili provocano il rilascio di carbonio nell’atmosfera, contribuendo all’aumento del CO2.

 Le conseguenze dei cambiamenti climatici incidono a loro volta sulla qualità del suolo accelerando gli effetti descritti. Per esempio, le precipitazioni sempre più frequenti e abbondanti portano a un maggiore rischio di erosione e un suolo umido è più soggetto al rischio di compattamento.

Questi aspetti sono approfonditi nella scheda intitolata “Suolo e cambiamenti climatici” elaborata da Cercle Sol - un’associazione che raggruppa i servizi di protezione del suolo dei Cantoni - disponibile online all’indirizzo www.ti.ch/suolo.



Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Nicola Solcà, Capo dell’Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo, nicola.solca@ti.ch,  091 / 814 29 70