Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Comunicato stampa

Consiglio di Stato

18 dicembre 2019

Comunicato stampa

Consiglio di Stato

18 dicembre 2019

Integrazione dell’Istituto cantonale di patologia (ICP) nell’Ente ospedaliero cantonale (EOC)

Il Consiglio di Stato e l’Ente ospedaliero cantonale confermano l’intenzione di integrare nell’EOC le attività svolte presso l’Istituto cantonale di patologia.


Il Consiglio di Stato ha licenziato oggi un messaggio con il quale propone al Parlamento di trasferire all’Ente ospedaliero cantonale (EOC) le attività di analisi sanitarie sinora svolte presso l’Istituto cantonale di patologia (ICP). Con questa operazione il governo ritiene di favorire lo sviluppo futuro di un centro di comprovata eccellenza, a beneficio e nell’interesse di tutto il Cantone.  

L’ICP, attivo a Locarno ormai da più di 60 anni, svolge principalmente attività diagnostica istologica e citologica, cioè analisi al microscopio tramite l’utilizzo di tecniche all’avanguardia, con lo scopo di diagnosticare tessuti cancerogeni e malattie infiammatorie. Per conto di ospedali pubblici, cliniche private e studi medici, l’ICP analizza annualmente campioni di circa 50'000 pazienti ticinesi.  

I volumi d’attività e lo sviluppo di prestazioni richiesti da strutture e operatori sanitari sono in incessante aumento. Inoltre, il contesto delle analisi sanitarie è caratterizzato da un mercato sempre più aperto e competitivo, in forte evoluzione sia dal profilo tecnico sia da quello organizzativo, in cui occorre fronteggiare anche la crescente concorrenza d’oltralpe, la quale può godere di maggiore flessibilità istituzionale, gestionale ed economica. Ciò soprattutto in previsione degli importanti cambiamenti che si profilano, ad esempio in ambito di digitalizzazione della medicina.  

Occorre pertanto porre le migliori premesse per garantire la presenza e la continuità, nonché la crescita, di un centro con elevate competenze in patologia. Centro che possa assicurare anche in futuro l’accentramento della casistica necessaria per il mantenimento e lo sviluppo della qualità, delle competenze e di posti di lavoro qualificati in Ticino, a beneficio di tutti i potenziali pazienti e dell’insegnamento della patologia all’interno del Master in medicina umana.  

Il trasferimento vede coinvolti una sessantina di collaboratori dell’amministrazione cantonale che saranno ripresi dall’EOC a condizioni di impiego analoghe. Il Registro dei tumori, comprendente il Centro programma screening Ticino (CPST) resterà invece all’interno della Divisione della salute pubblica, in quanto continuerà a svolgere compiti di interesse pubblico.  

Durante il 2020 termineranno pure i lavori di ampliamento e ristrutturazione degli spazi occupati dall’ICP a Locarno, nei quali l’attività proseguirà sotto la responsabilità dell’EOC.



Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Paolo Bianchi, Coordinatore del Dipartimento della sanità e della socialità, tel. 091 814 30 42/43, disponibile fino alle 15.30

Giorgio Pellanda, Direttore generale dell'Ente ospedaliero cantonale,
tel. 091 811 13 01