Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Comunicato stampa

Cancelleria dello Stato
Dipartimento del territorio
Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport

21 settembre 2020

Comunicato stampa

Cancelleria dello Stato
Dipartimento del territorio
Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport

21 settembre 2020

Ambiente: un mestiere da ragazze

In occasione della settimana europea per lo sviluppo sostenibile (SESS), il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS, Divisione della formazione professionale), in collaborazione con il Dipartimento del territorio (DT, Divisione ambiente) e la Cancelleria dello Stato (CAN, Servizio per le pari opportunità), lancia il progetto “Ambiente: un mestiere da ragazze” per meglio far conoscere al giovane pubblico i diversi percorsi formativi e le possibilità di lavoro nel settore ambientale, promuovendo in particolare la parità di genere nelle scelte formative e professionali.


Giardiniere, selvicoltore, installatore di impianti sanitari, riciclatore, geomatico… per quanto tempo queste professioni sono state declinate solamente al maschile? Se è vero che da qualche decennio si stanno formando anche ragazze giardiniere, selvicoltrici, installatrici, riciclatrici e geomatiche, e altre figure legate alla gestione del patrimonio territoriale, è altrettanto vero che le percentuali di presenza femminile in queste professioni tecnico-scientifiche sono ancora troppo basse.

Le professioni legate al settore ambientale permettono alle giovani ragazze di diventare protagoniste attive del futuro del nostro territorio e del nostro pianeta! Esse promuovono ad esempio una gestione del territorio rispettosa della natura e dell’essere umano (professioni di geomatica e di disegnatrice), oppure favoriscono soluzioni di risparmio energetico e l’utilizzo di energie rinnovabili (mestiere di installatrice di impianti sanitari e riscaldamenti). Questa tipologia di professioni riveste oggi un ruolo importante per far fronte alle nuove sfide ambientali e perseguire i 17 obiettivi fissati dall’Agenda 2030, tra i quali figurano anche l’uguaglianza di genere e l’autodeterminazione per tutte le donne e le ragazze.

Per meglio far conoscere queste professioni e fornire un supporto a studenti, studentesse e rispettivi genitori confrontati con la scelta del percorso di studio e/o della professione è stato tradotto e adattato l’opuscolo “Le professioni dell’ambiente: una guida nella giungla della scelta formativa e professionale” e pubblicato il sito internet www.ti.ch/ambiente-ragazze con informazioni e testimonianze.

Inoltre, durante la settimana europea dello sviluppo sostenibile, la scuola media di Tesserete ospiterà un atelier incentrato sulla biodiversità. Gli allievi e le allieve potranno scoprire la funzione e l’importanza della ricchezza biologica e il ruolo della valorizzazione delle specie e costruire un hotel per le api selvatiche. Nel contempo potranno avvicinarsi alla professione di disegnatore/trice in pianificazione del territorio.

Il progetto continuerà nei prossimi mesi proponendo alcuni atelier didattico-orientativi alla Città dei mestieri della Svizzera italiana.



Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

ambiente.ragazze@ti.ch
www.ti.ch/ambiente-ragazze

Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport
Pepita Vera Conforti, Esperta della formazione continua – antenna pari opportunità (DFP/DECS), pepita.vera@edu.ti.ch, tel. 091 / 815 30 86  

Dipartimento del territorio
Katia Balemi, Aggiunta al Direttore della Divisione dell’ambiente (DA/DT), katia.balemi@ti.ch, tel. 091 / 814 28 84  

Cancelleria di Stato
Rachele Santoro, Delegata per le pari opportunità (CAN), rachele.santoro@ti.ch, tel. 091 / 814 43 08