Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Comunicato stampa

Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport

08 ottobre 2020

Comunicato stampa

Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport

08 ottobre 2020

Tecnologie innovative per la Mediazione culturale. Selezionato il progetto vincitore

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) tramite la Divisione della cultura e degli studi universitari (DCSU) comunica che Addvibes è il progetto vincitore del concorso Tecnologie innovative per la Mediazione culturale.

 


Addvibes – un dispositivo vibrotattile per l’ascolto musicale - ha convinto la commissione di selezione, formata da esperti del settore, da un rappresentante della DCSU e un rappresentante della Fondazione AGIRE, agenzia per l'innovazione del Cantone Ticino, riunita giovedì 1° ottobre 2020. Delle iniziali undici candidature, una cifra significativa per la realtà cantonale, quattro erano state selezionate per la seconda fase del concorso, ricevendo ciascuna 2'000 franchi per lo sviluppo dell’idea.

Addvibes (add = aggiungere; vibes = vibrazioni) è in pratica una culla inclinabile, dotata di speciali braccioli con funzione di recettori vibrotattili per l’ascolto musicale attraverso il corpo. Nel corso dei prossimi due anni il progetto passerà dalla fase d’ideazione a quella di produzione e infine di fruizione da parte del pubblico, grazie al finanziamento di 35'000 franchi destinato al capofila del progetto, la SUPSI - Laboratorio cultura visiva e Istituto sistemi informativi e networking - in collaborazione con la Fonoteca nazionale svizzera e la Federazione svizzera dei sordi. Il prototipo sarà reso accessibile gratuitamente in contesti pubblici - sale da concerto, musei, teatri, centri culturali - da gennaio a dicembre 2022.

La candidatura selezionata ha convinto la commissione per la completa aderenza a tutti i criteri richiesti nel bando. Il progetto vincitore si è infatti contraddistinto per originalità, inventiva, solidità finanziaria e procedurale, e per l’eccellente livello tecnico in rapporto a ideazione e sostenibilità. Un ulteriore elemento a favore di Addvibes emerso in fase di valutazione è stato il grado di inclusione. Il dispositivo permetterà infatti di rendere accessibile in modo innovativo il patrimonio sonoro a un pubblico diversificato, composto da persone sorde o con udito compromesso, permettendo l’ascolto ai normodotati con modalità diverse dalle consuete. Addvibes riesce a raggiungere il pubblico normalmente escluso dall’offerta musicale e a sorprendere l’utente normodotato con una nuova esperienza sensoriale.



Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Paola Costantini, capo ufficio dell'ufficio del sostegno alla cultura, paola.costantini@ti.ch, tel 091 / 814 13 01