Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Comunicato stampa

Dipartimento delle finanze e dell'economia
Dipartimento del territorio

25 maggio 2021

Comunicato stampa

Dipartimento delle finanze e dell'economia
Dipartimento del territorio

25 maggio 2021

Nuova sede del Museo cantonale di storia naturale: sito internet con i progetti dei mandati di studio in parallelo


La Divisione dell’ambiente del Dipartimento del territorio (DT) e la Sezione della logistica del Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE) informano che hanno reso pubblico il sito internet dedicato alla nuova sede del Museo cantonale di storia naturale (MCSN), dove sono stati pubblicati anche i progetti sviluppati dai mandati di studio in parallelo per il comparto di Santa Caterina a Locarno. Il nuovo sito – www.mcsn-nuova-sede.ti.ch – aggiornato regolarmente, permetterà di seguire le tappe progettuali e i lavori in corso per realizzare la nuova sede del museo a Locarno.

Lo scorso anno il Consiglio di Stato, considerate le peculiarità e il valore storico-culturale del comparto di Santa Caterina a Locarno, ha deciso di avvalersi della procedura dei mandati di studio in parallelo, definita dal Regolamento SIA 143, con lo scopo di garantire un inserimento armonioso della nuova realtà museale nel contesto pregiato e protetto e di valorizzare l'intero comparto, coinvolgendo fin da subito tutti i portatori d’interesse. Tale procedura ha anche permesso di verificare i costi di investimento e i tempi di realizzazione, come pure di identificare soluzioni urbanistiche e pianificatorie consone e qualificanti per l’inserimento del Museo nel Comparto di Santa Caterina.

Questa nuova piattaforma online, oltre a presentare il percorso che ha condotto il Consiglio di Stato a scegliere il comparto di Santa Caterina quale ubicazione per la nuova sede del MCSN, descrive le peculiarità storico-culturali del comparto stesso e illustra in un’apposita sezione i quattro progetti scaturiti dai mandati di studio in parallelo realizzati da Guscetti Architetti (Minusio), Inches Geleta Architetti (Locarno), Ivano Gianola Architetto (Mendrisio) e:mlzd Architekten (Bienne). Le quattro proposte progettuali hanno affrontato con originalità e competenza la tematica, confermando la possibilità d’inserimento della nuova struttura museale all’interno del comparto, attraverso diverse idee e rappresentazioni con riflessioni e soluzioni alternative tra loro.

L’ipotesi progettuale dello Studio Guscetti Architetti (Minusio), raccomandata dal Collegio d’esperti, fornisce un concetto urbanistico organico che funge da completamento della parte nord del tessuto urbano esistente, mantenendo inalterato il complesso conventuale e il grande spazio del giardino. Essa ha definito gli elementi che hanno permesso di concretizzare la variante del Piano regolatore del Centro Storico di Locarno, approvata dal Municipio di Locarno lo scorso aprile e trasmessa al Dipartimento del territorio per l’avvio dell’esame preliminare. Contemporaneamente essa ha identificato le basi indispensabili per la preparazione e l’allestimento del concorso di progettazione, il cui credito è oggetto del messaggio governativo approvato dal Gran Consiglio lo scorso 5 maggio.

Il sito è inoltre arricchito da immagini - georeferenziate e particolareggiate del comparto -, da un video e da collegamenti che rimandano a documenti e a ulteriori testimonianze sull’auspicato spazio museale.



Per ulteriori informazioni rivolgersi a:

Dipartimento del territorio
Katia Balemi, Aggiunta al Direttore della Divisione dell’ambiente, katia.balemi@ti.ch, tel. +41 91 814 28 84

Dipartimento delle finanze e dell’economia
Giovanni Realini, Capo della Sezione logistica, tel. 091 814 77 11