Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Delvitech SA

Si sente spesso definire il Ticino come “terra di innovazione” e forse non tutti sanno che il nostro cantone, seppur piccolo rispetto alle grandi regioni metropolitane, svetta in diverse classifiche nazionali ed europee in termini di innovazione. Il Ticino è una regione ideale per chi vuole fare impresa e Delvitech SA è un’azienda che ha saputo sfruttare al meglio l’ecosistema cantonale diventando un perfetto esempio di startup di successo.

Come descrivereste Delvitech SA?

Delvitech è un’azienda innovativa e giovane, nata con l’intento di rivoluzionare e innovare il settore dell’ispezione ottica automatica (AOI) per vari settori, iniziando dal mercato delle schede elettroniche assemblate, per poi, in futuro, indirizzarsi verso i mercati dei semiconduttori, dell’alimentare e del medicale. 
L’ispezione ottica automatica è il controllo di qualità, in questo caso automatizzato e gestito dall’intelligenza artificiale, che si situa all’interno di ogni filiera produttiva, per verificare che l’assemblaggio di un prodotto sia stato eseguito correttamente dai macchinari di produzione. Questi, sebbene siano macchine, fanno molti più errori di quanto si crede e ogni componente saldato in modo sbagliato o lievemente spostato o disallineato, a volte, può portare il produttore a dover scartare la scheda, con tutte le preziose componenti che oggigiorno scarseggiano e con minerali o risorse costose e problematiche, che andrebbero quindi persi.

Un tema importante anche per il Dipartimento delle finanze e dell’economia è quello della responsabilità sociale delle imprese. Come interpreta Delvitech lo sviluppo sostenibile? 

Delvitech è attenta alla sostenibilità, sia riducendo i propri consumi (per esempio sensibilizzando i propri dipendenti al consumo responsabile e alla raccolta differenziata), che compensando il consumo rimanente. (Delvitech ha infatti acquistato alberi che vengono piantati nei polmoni verdi della Terra, tramite il progetto The Greenest, e sostiene il progetto Wami, che ha creato acquedotti e portato l’acqua a famiglie che non vi avevano accesso in diverse parti del mondo). 
Questa attenzione è stata applicata anche all’approvvigionamento e a tutta la catena produttiva: dall’acquisto di materiali per ufficio più sostenibili, alla scelta di materiali il più possibile riciclabili e durevoli per i nostri prodotti, fino agli imballaggi ecosostenibili in legno o in cartone senza plastiche. 
Ma la maggiore innovazione tecnologica sta nei nostri macchinari, che consentono al cliente finale un enorme risparmio di CO2 e di salvaguardare risorse preziose, come minerali sensibili e componenti che sul pianeta sempre più scarseggiano.
Delvitech si impegna anche nell’aspetto sociale ed etico. Per esempio, finanzia attività sportive per ragazzi sul territorio ed è attenta anche ai bisogni dei propri dipendenti, offrendo loro la massima flessibilità per favorire la conciliabilità tra famiglia e lavoro e attività di Welfare, anche in collaborazione con AITI4welfare.
Delvitech predilige inoltre fornitori che hanno la stessa attenzione sociale e ambientale.

Perché avete scelto il Ticino per insediare la vostra azienda?

Il Ticino rappresenta un mix perfetto, perché ha caratteristiche uniche nel suo genere. Si trova in un crocevia di interscambio tra diverse scuole universitarie – presenti in un raggio ristretto a livello cantonale, nazionale e internazionale – che quindi permette di attingere a un ottimo bacino di competenze tecniche ingegneristiche e informatiche.
Inoltre, è parte della Svizzera e offre pertanto tutte quelle caratteristiche peculiari di qualità, sicurezza, precisione e innovazione tecnologica tipiche della Confederazione Elvetica, che danno al contempo tranquillità nella conduzione aziendale e un’automatica immagine positiva sui clienti.
Infine, ma non da ultimo, offre possibilità di collaborazione per lo sviluppo di progetti high end con istituti universitari molto avanzati presenti sia presso l’USI, in particolare con l’IDSIA Istituto Dalle Molle per l’intelligenza artificiale’, che presso la SUPSI.

Com’è stata la vostra esperienza in Ticino in questi primi anni di startup, anche in virtù delle collaborazioni locali e del supporto dei vari attori presenti sul territorio?

La nostra esperienza è stata fantastica. Mai avremmo pensato di poter avere un supporto come quello ricevuto sino ad ora. Il Cantone, le Università, le banche, il fondo TiVentures, le personalità e le aziende partner del luogo, tutti hanno contribuito al nostro successo e tutta l’attenzione che ci viene rivolta quotidianamente è lo sprone che ci fa continuamente dare il meglio per portare Delvitech a divenire un’azienda di riferimento internazionale.

Quali sono i vostri obiettivi di sviluppo futuri?

Delvitech si occupa di ispezione ottica automatica basata su intelligenza artificiale utilizzando tecnologie high-end e soluzioni esclusive nel settore. Con questo quadro, Delvitech ambisce ad essere leader, e non solo attore, in diversi mercati, primo fra tutti quello del controllo di processo di qualità dell’assemblaggio di schede elettroniche, a seguire, ancor più importante, nel settore del controllo ottico dei semiconduttori ed a seguire nei mercati dell’alimentare e del medicale.
Tutto ciò, mantenendo le basilari caratteristiche svizzere. Correttezza, qualità, innovazione, intelligenza, investimenti, sostenibilità e trasparenza. 

 

Maggiori informazioni: www.delvi.tech
 

Sviluppo economico

Contatti

Ufficio per lo sviluppo economico
Viale Stefano Franscini 17
6501 Bellinzona

tel. +41 91 814 35 41
e-mail dfe-use(at)ti.ch