Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Banca dati AMICUS

Dal 4 gennaio 2016 è operativa la nuova banca dati per la registrazione dei cani denominata "AMICUS". Le innovazioni principali sono:

  • sistema informatico più moderno e layout rinnovato
  • rispetto di uno standard più elevato per la sicurezza dei dati personali (nome utente, parola chiave e codice di accesso inviato per e-mail)
  • registrazione dei dati personali delle persone che non hanno avuto cani prima del 2016 attraverso le cancellerie comunali
  • possibilità di interfacciare i software dei comuni, degli studi veterinari dei servizi veterinari ufficiali con Amicus
  • maggiori possibilità di ricerca on-line nella banca dati da parte di veterinari, autorità comunali e altri servizi ufficiali accreditati

Compiti del proprietario del cane

Ogni nuovo proprietario di cani deve farsi registrare una tantum presso la Cancelleria del suo comune di residenza. La registrazione serve ad inserire nell'anagrafe canina Amicus i dati personali esatti, che devono corrispondere ai dati del controllo degli abitanti. In questo modo è possibile garantire una buona qualità dei dati.

Questa registrazione deve avvenire una sola volta. Essa riguarda soltanto le persone che entrano in possesso per la prima volta di un cane a partire dal 1° gennaio 2016. Per tutti i proprietari di cani già registrati nella banca dati ANIS non cambia nulla: i dati saranno trasferiti automaticamente nella nuova banca dati Amicus.

Una volta registrati i dati personali in cancelleria comunale, il proprietario del cane può recarsi dal veterinario per l'identificazione dell'animale tramite microchip e per la registrazione nella banca dati Amicus.

Compiti del veterinario

Prima di fissare un appuntamento per un nuovo proprietario di cani, è bene chiedere se la registrazione dei suoi dati personali presso la Cancelleria comunale è già avvenuta. Se non fosse il caso, occorre chiedere al proprietario di provvedervi prima dell'appuntamento.

In casi molto particolari il veterinario può prendere contatto con il frontdesk della banca dati Amicus per registrare direttamente i dati personali del proprietario. Questa prestazione di carattere eccezionale può essere fatturata al cliente.

Nuove funzionalità

La ditta Identitas AG offre ai produttori di software per i veterinari la possibilità di connettere direttamente il software con la banca dati Amicus. Questo facilita notevolmente il lavoro amministrativo della notifica. I veterinari sono invitati a rivolgersi direttamente alla ditta che ha fornito il software per il suo studio.

FAQ veterinari

Una persona che ha già avuto cani in passato risulta registrata in Amicus. Va precisato che tutti i dati che erano presenti in ANIS sono stati trasferiti nella nuova banca dati Amicus. Quindi in questo caso procedo come d'abitudine con la registrazione dei dati del nuovo cane in Amicus.

Una volta inseriti i dati personali in Amicus da parte del Comune, il nominativo del detentore è immediatamente a disposizione del veterinario sul portale www.amicus.ch al momento della registrazione del cane.

Il proprietario non riceve un documento dal Comune, ma riceve da Amicus

  • una conferma di registrazione
  • i dati necessari per l'accesso alla banca dati (ID personale e password)
  • la tessera canina per i cani notificati dal veterinario

Comunico al cliente che i suoi dati personali devono essere prima notificati alla banca dati Amicus attraverso la Cancelleria comunale del suo comune. Una volta registrato come persona, il cliente può chiedere al veterinario l'identificazione del cane con microchip e la sua registrazione in Amicus.

Si, i veterinari possono cercare il proprietario dell'animale in base a vari criteri di ricerca, come ad esempio il numero di microchip. La ricerca si estente ai proprietari di tutta la Svizzera e non solo a qualli del proprio cantone.

Un allevatore deve comportarsi come ogni altro detentore di cani. Se inizia ex novo deve annunciarsi presso la Cancelleria comunale per la registrazione in Amicus dei suoi dati personali.

Entro tre mesi di età del cucciolo e in ogni caso prima della vendita dell'animale deve far registrare il cane in Amicus dal suo veterinario. La registrazione del cane deve riferirsi all'allevatore e non al futuro acquirente del cane. 

Sì, la banca dati Amicus concerne soltanto la registrazione dei cani in applicazione all'Ordinanza federale sulle epizoozie. Quindi una persona che ha già registrato in passato animali di altre specie in ANIS deve osservare la procedura prevista per i nuovi detentori di cani.

Per l'identificazione facoltativa, non prevista da alcuna norma di legge, di gatti e altri animali da compagnia che non siano cani, il veterinario deve rivolgersi come in passato alla banca dati ANIS o ad altri servizi privati in grado di offrire la prestazione desiderata.

I fornitori di microchip devono notificare ad Amicus i numeri di microchip forniti ad ogni veterinario. Il veterinario può utilizzare soltanto i microchip notificati in Amicus. In nessun caso può consegnare microchip a detentori di cani o ad altre persone per un loro uso privato.

No, Amicus non prevede eccezioni riguardo al costo delle registrazioni dei cani nell'anagrafe canina.

La regola prevede chei dati personali vengano registrati dal Comune.

In casi del tutto eccezionali, per esempio quando vi è un'urgenza dettata da circostanze particolari (per es. procedura per viaggi all'estero con termini molto stretti), il veterinario può prendere contatto con l'help desk di Amicus per chiedere la registrazione dei dati personali del cliente. In questo caso il veterinario deve inviare una copia del passaporto o della carta d'identità del suo cliente detentore dell'animale. 

Indirizzi utili