Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Il clima cambia: una sfida all'adattamento

PalaCinema Locarno

Giovedì 2 giugno dalle ore 16.00

Il Dipartimento del territorio, Meteosvizzera e TicinoEnergia, con il sostegno della RSI, della Città di Locarno, della SUPSI, dell'USI, di Alleanza territorio e biodiversità e del Palacinema Locarno, propongono un incontro informativo dedicato ai cambiamenti climatici.

All'evento interverranno rappresentanti di enti pubblici e privati, di associazioni, di movimenti giovanili e del mondo economico-finanziario, energetico ed accademico per illustrare misure, progetti e soluzioni attuate per mitigare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici e adattarsi a questa realtà, sfruttando le opportunità in un'ottica sostenibile.

Indicazioni

Per motivi organizzativi è richiesta l'iscrizione tramite modulo online entro il 20.05.2022.

Modulo di contatto


Da giovedì 2 a mercoledì 8 giugno

Nella sala multiuso del PalaCinema di Locarno il Dipartimento del territorio proporrà al pubblico l'esposizione itinerante "La memoria dei ghiacciai". La mostra è stata pensata per offrire un'immersione nel mondo dei ghiacciai ticinesi.

L'intenzione è infatti quella di mostrare il minuzioso lavoro svolto dalla Sezione forestale in tutte le fasi delle misurazioni: dalla preparazione all'uscita sul terreno, fino alla stesura di rapporti e alla condivisione delle informazioni con il mondo scientifico.

Sempre al PalaCinema e in collaborazione con il DT, Alleanza Territorio e Biodiversità proporrà la mostra “Biodiversità: c’è vita in città!” incentrata sulle cause della regressione della biodiversità e sulle soluzioni a disposizione di enti pubblici a privati per favorirla.

Per informazioni e/o prenotazione della mostra.

Modulo di contatto


Un bosco che fa riflettere

In Piazza Remo Rossi verranno allestite due aree boschive - una composta da piante indigene e l'altra da palme (Palma di Fortune, Trachycarpus fortunei) - che sottolineano quanto la diversità delle specie arboree locali sia minacciata dalla massiccia quanto aggressiva diffusione di questa e altre specie esotiche.

L'allestimento dei due boschi dimostrativi sarà anche un'occasione per informare il pubblico riguardo al nuovo progetto nazionale “Piantagioni sperimentali di specie arboree adatte alle condizioni future” al quale partecipa anche il Cantone Ticino.

Questo progetto prevede 57 siti sperimentali in tutta la Svizzera, in cui varie specie appositamente piantate verranno monitorate per i prossimi 30/50 anni allo scopo di studiare quali alberi resistono meglio al cambiamento climatico, dando così utili informazioni per la futura gestione dei boschi.