Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Lavoro sociale di prossimità

Nel settore politiche giovanili si stanno sviluppando nuovi approcci per superare la logica dei servizi che si attivano solo su esplicita richiesta. Nello spazio pubblico nascono così nuovi progetti partecipativi di educativa di strada e animazione di prossimità, volti a favorire nuove forme d’incontro e a promuovere processi di cambiamento direttamente nei luoghi di vita dei giovani.

Cos’è il lavoro sociale di prossimità?

Il lavoro degli operatori di prossimità si distingue da altre forme di lavoro sociale in quanto le loro attività non si svolgono all’interno di strutture e servizi ma direttamente nei luoghi di vita dei giovani: nelle strade, nelle piazze e nei quartieri.

La presenza informale degli operatori nello spazio pubblico consente, da una parte, di promuovere processi partecipativi di cambiamento sociale e, dall’altra, lavorando al di fuori dei contesti convenzionali, di entrare in contatto con giovani confrontati con situazioni di difficoltà.

Quali sono gli obiettivi del lavoro sociale di prossimità?

Attraverso attività di animazione socioculturale e accompagnamenti individuali, gli operatori di prossimità favoriscono la partecipazione dei giovani alla vita sociale, stimolano lo sviluppo della loro personalità, della responsabilità e dell’autonomia.

Il lavoro sociale di prossimità contribuisce a ridurre i comportamenti a rischio e a prevenire i processi di esclusione, rafforzando i legami sociali; consente inoltre di favorire l’accesso ai servizi e alle risorse formali e informali del territorio.

Che funzione svolge un operatore di prossimità?

Gli operatori di prossimità hanno una funzione educativa finalizzata alla partecipazione e allo sviluppo dell’autonomia e una funzione di mediazione tra i giovani, la comunità e i servizi.

Lavorando nei contesti di vita dei giovani, gli operatori di prossimità stimolano la riflessione personale e valorizzano le risorse individuali e del gruppo al quale i giovani sentono di appartenere.

A chi sono rivolte le attività degli operatori di prossimità?

Le attività degli operatori di prossimità sono rivolte a tutti gli abitanti di un quartiere, di un Comune o di una regione, ma sono indirizzate in particolar modo ai giovani tra i 15 e i 25 anni.

A chi rivolgersi

Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani
Viale Officina 6
6501 Bellinzona

tel. +41 91 814 71 51
fax dss_ufag.fax@ti.ch
dss-ufag@ti.ch

Operatori sociali di prossimità in Ticino

Divisione dell'azione sociale 
e delle famiglie

Per rendere più agevole la lettura dei contenuti del presente portale, i soggetti femminili e maschili sono stati designati con il genere maschile.

Per segnalazioni e domande riguardanti il sito:
dss-infosocialita(at)ti.ch

Viale Officina 6
6501 Bellinzona 

Direzione e segreteria generale
tel. +41 91 814 70 11
dss-dasf(at)ti.ch

Newsletter Infosocialità