Vai al contenuto principale Vai alla ricerca


Han Coray (1880-1974)

da Thal (canton San Gallo)

Fu il primo collezionista di arte africana in Svizzera, raccogliendo circa 2500 preziosi oggetti. Si formò a Zurigo come insegnante, fu poi direttore della scuola Pestalozzi e pubblicò dei testi di pedagogia di stampo riformatore. Amante dell’arte e in particolare delle avanguardie, aprì una galleria con sedi a Zurigo e a Basilea, sostenendo artisti svizzeri come Ignaz Epper e dadaisti come Tristan Tzara e Hugo Ball. Durante gli anni Venti, con il nome di Han Coray-Stoop, incrementò la sua collezione in modo rilevante. Dal 1930 fino alla morte, avvenuta nel 1974, visse ad Agnuzzo, dove costruì vicino al lago l’hôtel Casa Coray in cui era collocata una parte delle sue opere. Qui Coray esercitò l’attività di albergatore e mostrò con orgoglio la sua collezione agli ospiti. Il Museo etnografico e il Museo Rietberg a Zurigo conservano una parte della sua raccolta di arte africana.

Per saperne di più: