Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Domande frequenti

Oggigiorno l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita e l’evoluzione delle professioni molto più dinamica fanno sì che la prima scelta professionale non sia più per tutta la vita, anche se rimane fondamentale nel percorso formativo. Tuttavia il rapido sviluppo tecnico necessita di un numero sempre più elevato di specialisti qualificati. Pertanto una buona partenza nella vita professionale è quindi cruciale e una formazione versatile costituisce una solida base per tutti i passi successivi.

La scelta professionale è maturata nella scuola obbligatoria. Gli allievi devono orientarsi per tempo, affinché possano decidere il percorso professionale da intraprendere e applicarsi di conseguenza. Se i giovani decidono di frequentare il corso di MP una volta terminata la scuola dell’obbligo, hanno il vantaggio di essere già abituati alla scuola e all'apprendimento.

La maturità professionale è interessante per tutti coloro che vogliono continuare a frequentare la scuola a un livello impegnativo, ampliare la formazione scolastica attraverso la formazione pratica e applicare attivamente ciò che viene appreso. La MP è rivolta agli studenti che desiderano combinare un apprendistato professionale con un'estesa formazione generale, come preparazione al mondo professionale e del lavoro.

L’indirizzo di MP determina il peso di ciascuna delle materie fondamentali (italiano, tedesco, inglese, matematica) e le rispettive materie specifiche. Nella file sottostante sono indicate le materie e la loro dotazione oraria per ciascun indirizzo di MP.

Le conoscenze teoriche della professione e gli aspetti relativi alla cultura e alla società vengono maggiormente approfonditi. Di conseguenza possono essere meglio comprese le conoscenze complesse, suscitati ulteriori interessi e realizzate ulteriori possibilità di sviluppo personale.

Il mercato del lavoro ha bisogno di personale flessibile e orientato alla soluzione di problemi. I tirocinanti devono imparare ad affrontare e risolvere problemi concreti. Di regola, nelle formazioni postobbligatorie a tempo pieno, i problemi vengono presentati solo sul piano concettuale e affrontati secondo i modelli teorici. L’ attestato federale di capacità (AFC) abbinato alla MP consente di analizzare, nell'ambiente scolastico, i problemi della vita professionale quotidiana e di sviluppare delle soluzioni. Tra scuola e pratica ha così luogo uno scambio complesso e proficuo, che è potenziato attraverso l’approccio interdisciplinare (AI). In questo ambito si impara, individualmente o in gruppo, ad acquisire nuove conoscenze e a introdurle nel proprio settore professionale. Grazie alla combinazione di scuola e pratica, si promuove lo sviluppo del pensiero in contesti estesi e le persone in formazione vengono guidate per risolvere compiti di una certa difficoltà nell'azienda. Le esperienze concrete di successo nella formazione pratica contribuiscono, infine, ad accrescere l’autostima.

La MP consente l'accesso diretto a una SUP, se si svolge un'ulteriore formazione all'interno del proprio ambito professionale. Nel caso si voglia cambiare l’ambito professionale o siano stati svolti precedentemente degli studi universitari (accademici), le SUP possono esigere degli esami supplementari e/o un periodo di pratica. I detentori di un attestato di MP hanno il grande vantaggio, rispetto alle scuole a tempo pieno (licei, scuole specializzate), di avere anche una qualifica professionale (doppia qualifica) e dispongono di conoscenze pratiche e teoriche nel loro ambito professionale.

Le scuole specializzate (SS) offrono una formazione scolastica a tempo pieno per le persone i cui obiettivi professionali concernono i campi della pedagogia, della salute, della socialità o dell'arte. Dopo aver completato la formazione triennale di cultura generale, è possibile ottenere un certificato di maturità specializzata (MS). Tuttavia ai detentori di una MS non è garantito l’accesso al corso “passerella” e quindi all'università. Inoltre non viene loro rilasciato un AFC, che di fatto non consente d’intraprendere subito un'attività professionale.

In linea di principio, le aziende formatrici sono interessate a stipulare contratti di tirocinio con persone in formazione motivate e quindi a promuovere attivamente la maturità professionale. I tirocinanti dovrebbero anche cercare di convincere i nuovi datori di lavoro a consentire loro di seguire una formazione con MP. Gli alunni con un buon bagaglio scolastico riescono a frequentare i corsi di MP senza difficoltà e possono quindi concentrare i loro sforzi sulla formazione pratica.

Ci sono, tuttavia, settori isolati dell'industria in cui le prestazioni più elevate e la capacità di rapida comprensione degli allievi di MP non riescono a compensare il maggior numero di giorni di assenza nell’azienda. Se quest’ultima rifiuta in modo categorico di assumere tirocinanti con MP (MP1), è sempre possibile seguire, al termine dell’apprendistato, i corsi di MP per professionisti qualificati (MP2).

A dipendenza della formazione di base scelta, gli allievi di MP hanno da mezza giornata sino a una giornata intera alla settimana di insegnamento supplementare.

Un'azienda può decidere, teoricamente, di offrire contratti di tirocinio che non prevedano la frequenza della MP. In realtà, però, gli studenti interessati alla MP ottengono buoni risultati sul piano scolastico. Pertanto anche le aziende formatrici dovrebbero essere interessate a questo tipo di studente, anche se ciò comporta una minor presenza sul posto di lavoro. Al momento della stipulazione del contratto di tirocinio, deve essere in tutti i casi chiarito se è possibile seguire o no la MP.

Le persone in formazione possono scegliere tra 5 indirizzi di MP. La scelta va fatta con attenzione per evitare futuri cambiamenti di indirizzo professionale. Se il cambiamento è tuttavia necessario, deve essere svolta un’esperienza pratica di più mesi nell’ambito corrispondente.

Se la MP è frequentata durante l'apprendistato (MP1), l'indirizzo di MP è determinato, di regola, dalla formazione di base e dall'offerta dell’istituto professionale frequentato. La libera scelta dell’indirizzo di MP è possibile, per ragioni organizzative, solo in casi eccezionali.

I professionisti qualificati possono scegliere liberamente l’indirizzo (MP2). Pertanto possono prendere in considerazione, al momento della decisione dell’indirizzo, gli obiettivi specifici del percorso di studio che vogliono intraprendere alla SUP.

L’attestato federale di MP apre molti percorsi – ciò che rende la formazione professionale molto attraente – sia nel caso in cui la persona in formazione dopo la MP scelga una SUP sia nel caso scelga l'università tramite la "passerella".

Coloro che seguono una formazione quadriennale e non soddisfano i requisiti richiesti per l'ammissione alla MP1, possono sostenere un esame di ammissione nelle materie italiano, tedesco e matematica. Per le formazioni triennali tale esame non è previsto.

Chi che non adempie alle condizione di promozione nella MP1 (media del 4.0, al massimo due insufficienze e 2 punti negativi) viene promosso in via provvisoria al semestre successivo. Tuttavia, se dopo il semestre provvisorio le condizioni di promozione non sono soddisfatte, la persona in formazione deve interrompere la MP e continuare la formazione in una classe senza MP. La formazione di base professionale potrà essere così così completata con un AFC, ma senza l’attestato di MP. Una formazione di MP1 interrotta al minimo dopo due semestri e con esito ameno sufficiente in lingua tedesca, lingua inglese e matematica, dà diritto a frequentare la MP2 senza esami d’ammissione. Queste note non devono, tuttavia, risalire a più di 5 anni prima.

Coloro che possiedono un attestato di MP spesso trovano rapidamente un lavoro grazie al loro bagaglio di conoscenze e pratica. La maturità professionale li contrassegna come persone motivate e desiderose di apprendere e pertanto hanno grandi possibilità in futuro di entrare a far parte dei quadri dirigenziali.

Di regola, la MP dà diritto di accesso alle SUP. In certi percorsi di studio vengono richiesti degli esami attitudinali supplementari. Se la formazione di base non corrisponde all'area di studio della SUP, è richiesta un’esperienza pratica di un anno.

Maggiori informazioni si possono ottenere sul sito web orientamento.ch.

I detentori di una MP possono accedere alle università svizzere anche tramite la cosiddetta "passerella" (un anno di frequenza, con esami finali complementari). Essi hanno il considerevole vantaggio, rispetto a coloro che hanno una maturità liceale, di conoscere la realtà professionale.

Per informazioni più dettagliate occorre rivolgersi all’università o al politecnico che si intende frequentare.

Se dopo il conseguimento della MP si desidera studiare presso un'università o presso un politecnico federale, è possibile frequentare il corso "passerella" di un anno. Il superamento degli esami complementari "passerella", unitamente all’attestato di MP, conferisce il diritto di accesso ai politecnici federali (ETH), agli studi federali di medicina, alle università cantonali e alle Alte scuole pedagogiche.

Sono esaminate le materie italiano, tedesco o inglese, matematica, scienze sperimentali (fisica, chimica, biologia) e scienze sociali e umane (storia e geografia). Il corso preparatorio è costituito di due semestri e prevede 15 lezioni settimanali e circa 26 ore di studio autonomo.

In Ticino il corso "passerella" si svolge al Liceo cantonale di Bellinzona.

I professionisti qualificati (cioè i titolari di un AFC) possono seguire la MP2, che è offerta nella modalità:

  • anno a tempo pieno (2 semestri);
  • biennale (4 semestri);
  • parallelamente all’attività lavorativa (50%).

La MP2 biennale è offerta solo negli indirizzi MPT (presso il CPT Trevano) e MPES (in sede da definire).

I costi della MP sono di regola sostenuti dallo stato. La MP1 è gratuita, mentre per quanto riguarda la MP2 è richiesta una tassa di 100 fr. per corso (al massimo tre) unicamente ai professionisti qualificati che seguono i corsi di preparazione alla MP.

Le richieste in merito sono decise caso per caso e devono essere sottoposte alla DFP.

Con un diploma SUP si possono solitamente ricoprire, nelle aziende, funzioni superiori e ben retribuite, in quanto personale altamente qualificato. I diplomati SUP sono ricercati sul mercato del lavoro e, spesso, avvantaggiati rispetto a coloro che hanno un titolo accademico, grazie alla loro formazione ed esperienza nel campo della pratica.

I detentori di una MP hanno maggiori possibilità di superare un esame professionale e tecnico superiore (ad esempio l'esame di maestria) grazie alle delle conoscenze più estese. La MP, tuttavia, non è una condizione necessaria per poter seguire questo tipo di formazione.

L’esame federale di maturità professionale (EFMP) offre la possibilità di ottenere un attestato di maturità professionale federale sulla base di una preparazione individuale. Sono ammessi all’esame i titolari di un attestato federale di capacità (AFC) o di una qualifica professionale equivalente.

Ad eccezione degli esami federali di MPES che sono organizzati in Ticino, le prove degli altri indirizzi sono svolte fuori cantone.

Maggiori informazioni si possono ottenere nel sito web della Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI).

Le formazioni SSS sono orientate alla pratica professionale e dispensano, soprattutto, le conoscenze specialistiche del settore, sviluppando competenze tecniche e di gestione, immediatamente applicabili sul posto di lavoro.
Per accedere alle scuole specializzate superiori è sufficiente aver conseguito una formazione professionale di base (AFC) e aver maturato un’esperienza professionale almeno biennale.

Le condizioni specifiche per l’ammissione sono definite direttamente dalle scuole che pubblicano sul proprio sito le condizioni di ammissione, i contenuti, il luogo di svolgimento, la durata e il costo dei cicli di formazione.

Sia la MP1 sia la MP2 sono riservate a coloro che seguono rispettivamente hanno seguito una formazione triennale o quadriennale. Le persone che seguono una formazione biennale sono escluse da entrambi i corsi di MP.

Quasi tutte le scuole professionali offrono dei corsi di MP: nella maggior parte dei casi sia di MP1 che di MP2; in qualche caso solo di MP1 o di MP2.

Se un istituto professionale non offre un corso di MP, è sempre possibile seguirlo in un’altra sede. È il caso del Centro Professionale del Verde Mezzana (le cui persone in formazione seguono il corso di maturità professionale natura, paesaggio e alimentazione (MPN) presso il CPT Trevano) e del Centro professionale tecnico Biasca (corso di maturità professionale tecnica, architettura e scienze della vita (MPT) presso il CPT Bellinzona).

La formazione dura da un minimo di 3 anni a un massimo di 4, a dipendenza della professione seguita.