Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Concetti chiave e vantaggi della CSR

Lo sviluppo sostenibile

Lo sviluppo sostenibile, inteso come la capacità della generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i loro, è iscritto nella Costituzione federale ed è fatto proprio dal Cantone Ticino nelle sue diverse politiche settoriali.

Per promuovere uno sviluppo sostenibile non si può prescindere dal fondamentale ruolo delle aziende nella nostra società. Aziende che sono sempre più sollecitate a coniugare, all'interno della propria strategia di sviluppo, le questioni sociali, ambientali, etiche, i diritti umani, così come anche le esigenze dei consumatori.

La responsabilità sociale delle imprese (Corporate social responsibility – CSR) va in questo senso considerata quale tangibile contributo delle aziende allo sviluppo sostenibile secondo i 17 obiettivi dell’Agenda 2030 fissati dai 193 Paesi membri dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU).

L’Agenda 2030

Il 25 settembre 2015, i 193 Paesi membri dell’ONU hanno approvato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e i relativi 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs), articolati in 169 Target da raggiungere entro il 2030.

L’Agenda 2030 è una tappa fondamentale sul cammino verso uno sviluppo sostenibile. Dal 2016 funge da quadro globale per affrontare a livello nazionale e internazionale le grandi sfide del pianeta, quali l’estrema povertà, i cambiamenti climatici, il degrado dell’ambiente e le crisi sanitarie. Vale per tutti i Paesi, al Nord come al Sud, e pone una serie di obiettivi da raggiungere entro il 2030. Intende contribuire allo sviluppo economico, promuovere il benessere dell’umanità e proteggere l’ambiente. Dedica inoltre un’attenzione particolare ad aspetti quali la pace, lo Stato di diritto e il buongoverno, di primaria importanza per uno sviluppo sostenibile.

L’attuazione dell’Agenda richiede un forte coinvolgimento di tutte le componenti della società, dalle imprese al settore pubblico, dalla società civile alle istituzioni filantropiche, dalle università e centri di ricerca agli operatori dell’informazione e della cultura.

Definizioni di responsabilità sociale delle imprese

Nell’ambito della CSR esistono diverse definizioni.

Secondo la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) la responsabilità sociale d'impresa
riguarda l’impatto sociale ed ambientale delle attività imprenditoriali. Per la Confederazione è un contributo delle aziende allo sviluppo sostenibile. La RSI abbraccia un’ampia varietà di tematiche di cui il management aziendale deve tenere conto. Tra queste figurano le condizioni di lavoro (compresa la protezione della salute), i diritti umani, la tutela dell’ambiente, la prevenzione della corruzione, la concorrenza leale, gli interessi dei consumatori, la fiscalità e la trasparenza". 
www.seco.admin.ch

Per economiesuisse
le imprese sono parte integrante della società. Esse assumono le loro responsabilità sociali e ambientali impegnandosi a favore di uno sviluppo sostenibile nell'impresa, lungo tutta la catena di creazione del valore, sulla piazza industriale e sul mercato. Una responsabilità sociale d’impresa (CSR) è nel loro interesse e crea un plusvalore per tutte le parti in causa”.
www.economiesuisse.ch

La Commissione Europea definisce la CSR come:
"la responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società. Il rispetto della legislazione applicabile e dei contratti collettivi tra le parti sociali rappresenta un presupposto necessario per far fronte a tale responsabilità.
Per soddisfare pienamente la loro responsabilità sociale, le imprese devono avere in atto un processo per integrare le questioni sociali, ambientali, etiche, i diritti umani e le sollecitazioni dei consumatori nelle loro operazioni commerciali e nella loro strategia di base in stretta collaborazione con i rispettivi interlocutori, con l'obiettivo di:

  • fare tutto il possibile per creare un valore condiviso tra i loro proprietari/azionisti e gli altri loro soggetti interessati e la società in generale;
  • identificare, prevenire e mitigare i loro possibili effetti avversi”.

www.eur-lex.europa.eu

Vantaggi della CSR

La responsabilità sociale delle imprese ha una valenza duplice: da un lato per le aziende è un elemento importante, che favorisce la creazione di valore condiviso, la promozione della competitività e l’innovazione; dall'altro, invece, permette di alimentare interessanti circoli virtuosi, offrendo un importante contributo alla società.

Tra i vantaggi maggiormente individuati per le aziende troviamo:

  • miglioramento della reputazione aziendale, del marchio e del prodotto;
  • livelli più elevati di soddisfazione, fidelizzazione dei clienti e aumento delle quote di mercato;
  • dipendenti più motivati e produttivi, minore rotazione del personale, maggiori possibilità di acquisizione di talenti e personale qualificato;
  • maggiore innovazione, creatività e gestione dei problemi da parte dei dipendenti;
  • risparmio sui costi (minori costi legati alle assenze per malattie, minori consumi e costi energetici, migliore utilizzo delle materie prime, ecc.);
  • migliori relazioni con le altre imprese, la comunità locale e le autorità pubbliche;
  • riduzione e migliore gestione dei rischi (le imprese orientate alla CSR corrono minori rischi di boicottaggio, reclami, frodi, proteste).

I principali vantaggi per la società sono:

  • attenuazione delle sfide sociali (mancanza di forza lavoro, disoccupazione, inclusione di lavoratori più anziani, pari opportunità, conciliabilità tra lavoro e famiglia) ed ambientali; 
  • consolidamento di un’economia maggiormente responsabile;  
  • diminuzione delle pretese di regolamentazione; 
  • conservazione e valorizzazione delle risorse naturali, protezione della salute e miglioramento della qualità della vita; 
  • maggiore collaborazione tra imprese e territorio; 
  • rafforzamento della competitività territoriale.

Contatti

Divisione dell'economia
Daniele Fumagalli
Aggiunto al Direttore della Divisione dell’economia

Tel. 091 814 35 94
daniele.fumagalli(at)ti.ch