Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Congedo giovanile

Gli apprendisti e i lavoratori sotto i 30 anni hanno diritto ogni anno fino a 5 giorni di congedo per svolgere attività di volontariato. Questo diritto è sancito dal Codice delle obbligazioni.

Chi ha diritto al congedo giovanile?

Tutti i giovani al di sotto dei 30 anni impiegati nei settori privati o pubblici che svolgono delle attività di volontariato hanno diritto di richiedere un congedo al massimo di 5 giorni di lavoro all'anno. Il congedo può essere suddiviso in giornate, mezze giornate e i 5 giorni non devono essere per forza consecutivi.

Le basi legali in vigore per gli impiegati della Confederazione, dei Cantoni e dei Comuni sono differenti e sono definite nei rispettivi regolamenti.

Per quali attività può essere richiesto?

Hanno la possibilità di richiedere un congedo giovanile al proprio datore di lavoro, ad esempio, i responsabili di un’associazione giovanile, i volontari delle colonie di vacanza o di un centro giovani, i monitori di un’associazione sportiva o culturale o chi partecipa alle attività del Consiglio Cantonale dei Giovani. Il congedo può essere anche richiesto per seguire un corso di formazione G+S o altre formazioni nell’ambito delle attività di volontariato.

Come richiedere un congedo giovanile?

Il volontario compila il formulario per la richiesta e lo consegna al proprio datore di lavoro, almeno due mesi prima dell’inizio del congedo. Il datore di lavoro ha il diritto di richiedere una conferma dell’impiego del volontario all’ente organizzatore.

Quali sono i vantaggi di un congedo giovanile?

I giovani volontari svolgono un servizio importante per la società, in quanto sviluppano la propria personalità e le proprie conoscenze. Anche i datori di lavoro possono così beneficiare delle competenze acquisite durante un’esperienza di volontariato.

Il salario è garantito durante il congedo giovanile?

Il datore di lavoro non è obbligato a pagare il suo dipendente durante il congedo giovanile. La scelta sulla retribuzione salariale è dunque libera. In Ticino, gli impiegati cantonali e i docenti hanno diritto a 8 giorni di congedo pagati. La garanzia del salario dipende dunque dal regolamento o dalla decisione di ogni singolo datore di lavoro.

Come ci si può comportare qualora non fosse concesso il congedo giovanile?

Nel caso di difficoltà è possibile chiedere un colloquio al proprio datore di lavoro, mostrargli il Promemoria sul congedo giovanile, rivolgersi all’organizzatore dell’attività di volontariato affinché intervenga, consultare il proprio sindacato o chiedere una consulenza telefonica alla Federazione svizzera delle associazioni giovanili (031 326 29 29).

A chi rivolgersi

Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani
Viale Officina 6
6501 Bellinzona

tel. +41 91 814 71 51
fax dss_ufag.fax@ti.ch
dss-ufag@ti.ch

Divisione dell'azione sociale 
e delle famiglie

Per rendere più agevole la lettura dei contenuti del presente portale, i soggetti femminili e maschili sono stati designati con il genere maschile.

Per segnalazioni e domande riguardanti il sito:
dss-infosocialita(at)ti.ch

Viale Officina 6
6501 Bellinzona 

Direzione e segreteria generale
tel. +41 91 814 70 11
dss-dasf(at)ti.ch

Newsletter Infosocialità