Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Centro abitativo, ricreativo e di lavoro (CARL)

Il Centro abitativo, ricreativo e di lavoro (CARL), nato dalla riorganizzazione del vecchio ONC, accoglie solamente ospiti adulti con una patologia psichiatrica di tipo cronico.

Il CARL è annoverato nella Pianificazione cantonale del fabbisogno delle strutture per invalidi adulti e collabora con l’Ufficio degli invalidi della Divisione dell'azione sociale e delle famiglie, come definito dalla Legge sull'integrazione sociale e professionale degli invalidi (Lispi) del 14 marzo 1979, che in particolare riconosce e sussidia le altre strutture per persone invalide presenti in Ticino.

La struttura, inserita nel contesto AI, è un luogo protetto in cui tutte le sue funzioni - abitazione, lavoro, gestione del tempo, interventi educativi e di apprendimento - permettono all'ospite di vivere in armonia con le proprie potenzialità di autogestione.

Il CARL ha due aree di attività:

  • abitativa (circa 121 posti letto) il cui tipo di presa a carico si pone come obiettivo la gestione dei disturbi del comportamento degli ospiti mantenendo e potenziando soprattutto il livello della loro autonomia;
  • lavorativa (117 posti di lavoro) strutturata in laboratori protetti, nella quale si mira se possibile alla riabilitazione ed al reinserimento di questa categoria d'utenza nel ciclo produttivo.

Osservazioni:
Viene richiesto un pagamento giornaliero forfetario, non comprensivo di eventuali prestazioni mediche specialistiche. L'ammissione è decisa dalla Direzione del CARL.

Contatti

Centro abitativo, ricreativo e di lavoro
Via Agostino Maspoli 6
6850 Mendrisio

tel. +41 91 816 58 01
fax +41 91 816 58 09
dss-osc.carl@ti.ch

Direttore
Laurent Pellandini

Orari delle visite

Come da Direttiva  dell'Ufficio del medico cantonale del 5 febbraio 2021, da lunedì 08 febbraio 2021 e fino a nuovo avviso, le visite agli ospiti sono possibili nei giorni feriali dalle 15:00 alle 18:00 e nei festivi dalle 14:00 alle 18:00, nel rispetto delle regole di igiene e di distanziamento sociale.
Al visitatore sarà rilevata la temperatura all'ingresso, saranno raccolti i dati e poste alcune domande di verifica dello stato di salute. Sarà richiesto di disinfettare le mani e di indossare la mascherina chirurgica.
Le visite devono essere state concordate con l'équipe educativa.