Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Domande frequenti

Lo scialpinismo è uno sport che appassiona una gran moltitudine di persone. Così come appassionante è camminare con le racchette da neve/ciaspole. In quest’ambito, per evitare brutte avventure, sono tuttavia di primaria importanza la scelta di un’attrezzatura adatta, la preparazione fisica e un’adeguata conoscenza dei luoghi. Fondamentale, prima di muoversi, è anche la consultazione dei bollettini sul pericolo valanghe.

Oltre al bollettino sul pericolo valanghe (www.slf.ch), utili ai fini della sicurezza sono le informazioni che si possono attingere tra le persone che ben conoscono i luoghi. A disposizione vi sono poi numerose applicazioni che forniscono un aggiornamento costante della situazione o la piattaforma online interattiva sulla prevenzione, denominata “White Risk” (www.whiterisk.ch).

Con persone che dispongono di una conoscenza approfondita dei luoghi e con le guide alpine.

Contattando una delle numerose associazioni di guide alpine o consultando il sito Internet www.4000plus.ch che riunisce buona parte dei sodalizi attivi in questo settore.

Il genere di itinerario deve essere adeguato alle proprie capacità fisiche e al livello di allenamento. Il tutto considerando la difficoltà dei percorsi e, in particolare, i tempi di salita e di discesa.

Di regola, le prime ore della mattina, al fine di evitare il riscaldamento del manto nevoso, che potrebbe causare una valanga. Va inoltre considerato che al buio è più difficile orientarsi essendoci meno punti di riferimento.

Nel periodo invernale vi è una maggiore difficoltà ad individuare i sentieri, che potrebbero essere celati dalla coltre nevosa. Da tenere in considerazione anche l’influenza delle temperature rigide e del vento.

È fondamentale verificare lo stato del materiale ma anche effettuare degli esercizi costanti con i mezzi di ricerca ARVA (acronimo che indica l'apparecchio di ricerca elettronico utilizzato per l’individuazione delle persone travolte da una valanga, ndr.). Questo per mantenersi allenati e quindi pronti a reagire in caso di necessità.  

Sul mercato si trovano degli appositi airbag incorporati agli zaini che, in casi di pericolo, possono essere attivati per garantire una maggiore sicurezza personale.

In caso di incidente, il fattore tempo è determinante. Decisivi sono quindi la possibilità di ricorrere a un’azione di autosoccorso (disponendo di un equipaggiamento completo e degli opportuni strumenti) e a un aiuto esterno (numeri di riferimento degli enti di soccorso).