Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Segnalare casi di abusi salariali

Se credete di essere confrontati con una situazione di abuso salariale, potete segnalarlo tramite il modulo online o, in alternativa, tramite un formulario con invio cartaceo.

Con abuso salariale si intende il mancato rispetto dei minimi salariali previsti da un contratto collettivo di lavoro (CCL), da un contratto normale di lavoro (CNL) o dalla Legge sul salario minimo (LSM).

Le segnalazioni permetteranno di attivare le competenti istanze:

  • Laddove vigono CCL potranno intervenire le commissioni paritetiche (CP) o l’Associazione interprofessionale di controllo (AIC), nell’ambito dei lavoratori distaccati nel settore dell’edilizia e affini.
  • Nei settori coperti da contratti normali di lavoro (CNL) l’intervento sarà garantito dall’Ufficio dell’ispettorato del lavoro (UIL), organo di controllo incaricato dal Consiglio di Stato per i controlli di competenza della Commissione tripartita in materia di libera circolazione delle persone.
  • Nei rimanenti settori economici, per i quali è vincolante, dal 1° dicembre 2021, il salario minimo differenziato per settore economico secondo quanto previsto nel Decreto del Consiglio di Stato, l'intervento sarà garantito dall'Ufficio dell'ispettorato del lavoro (UIL), organo di controllo incaricato dal Consiglio di Stato per la verifica del rispetto della Legge sul salario minimo (LSM).

Ufficio per la sorveglianza del mercato del lavoro
Viale Stefano Franscini 17
6501 Bellinzona

tel.   +41 91 814 37 89/97
dfe-abusi.salariali(at)ti.ch
www.ti.ch/abusi-salariali

Modulo di segnalazione online

Nessun form da mostrare

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

I dati inseriti nel modulo di contatto sono trattati in conformità alla Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) del Cantone Ticino.
Una copia del messaggio sarà recapitata all'e-mail da voi indicato, quale conferma di spedizione. Per problemi nella compilazione del modulo scrivere a: dfe-webmaster@ti.ch

Indirizzo web di questa pagina www.ti.ch/abusi-salariali