Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Diritto all'informazione e divulgazione dei dati

Principio generale

I dati personali del cittadino sono quelle informazioni che lo riguardano direttamente o indirettamente e che permettono:

  • d’identificarlo;
  • di provare la sua appartenenza a una comunità giuridica.

Questi dati di stato civile sono un bene prezioso e ogni cittadino deve poter avere il controllo sul loro utilizzo.

Secondo la legge:

  • la vita privata e familiare di un cittadino, la sua abitazione e la sua corrispondenza devono essere sempre rispettati;
  • al cittadino deve essere garantito il diritto all'informazione.

Domande frequenti

La protezione della sfera privata è garantita nella Costituzione federale della Confederazione Svizzera del 18 aprile 1999 (art. 13).

. Il Consiglio federale tutela sia la personalità, sia i diritti fondamentali dei cittadini privati nell’ambito della documentazione dello stato civile. La base legale è garantita dal Codice civile svizzero.

Il Consiglio federale regola anche la divulgazione dei dati di cittadini privati che dimostrano un interesse diretto degno di protezione.

Avere diritto all’informazione significa che ogni cittadino ha il diritto di:

  • conoscere i propri dati di stato civile;
  • sapere se all’Ufficio dello stato civile sono presenti i propri dati;
  • ricevere dall’Ufficio dello stato civile le sue informazioni e/o i suoi certificati.

I dati e gli eventi di stato civile di una persona svizzera, di una persona straniera con un legame di famiglia con un cittadino svizzero oppure di una persona straniera che ha avuto un evento di stato civile in Svizzera che è stato documentato a livello di stato civile (es. nascita di un bambino in Svizzera, adozione, ecc.) sono raccolti nel Registro dello stato civile svizzero.

Dal 2005 i registri sono in forma elettronica.

I dati personali di stato civile sono le informazioni di un cittadino raccolte nel Registro dello stato civile.

Questi dati sono:

  • lo stato civile (cognome, nome, attinenza cantonale e comunale, cittadinanza nazionale);
  • lo stato di famiglia (legami famigliari);
  • gli eventi di stato civile (nascita, adozione, cambiamento del cognome e del nome, matrimonio, morte, riconoscimento di paternità, cambiamento di sesso, e così via).

Puoi ottenere informazioni di stato civile presso i Servizi circondariali cantonali dello stato civile o presso l’Ufficio centrale dello stato civile.

Per richiedere i dati di stato civile, rivolgiti all'Ufficio di stato civile che si è occupato di registrare l’evento.

Per esempio: per ottenere l’estratto di nascita, rivolgiti all’Ufficio dello stato civile del luogo in cui sei nato. Per ottenere invece il certificato individuale di stato civile, rivolgiti allo stato civile del tuo luogo d’attinenza e così via.

Contatta per iscritto l’Ufficio dello stato civile oppure, se possibile, fai la richiesta online.

Attenzione: i Servizi circondariali ricevono solo su appuntamento. Non è quindi possibile recarvisi di persona.

La tua richiesta deve essere chiara e precisa per permettere all’Ufficio dello stato civile di comunicare l’informazione e/o di trasmettere il certificato richiesto correttamente.

Per questo motivo nella richiesta indica:

  • le tue generalità;
  • il tuo recapito telefonico;
  • Il motivo della richiesta.

Per richiedere il documento di una terza persona (maggiorenne) devi avere una procura o una dichiarazione scritta firmata da tutte le persone ancora in vita che figurano sul documento.

La procura e la dichiarazione servono per dimostrare che le persone interessate sono d’accordo a darti le informazioni richieste.

Nella richiesta è necessario:

  • indicare la persona interessata;
  • precisare il motivo per il quale il documento non viene chiesto direttamente dalla persona interessata;
  • allegare una procura o una dichiarazione scritta firmata della persona interessata. La procura e la dichiarazione scritta firmata servono per dimostrare che le persone interessate sono d’accordo a darti le informazioni richieste.

Il documento di stato civile richiesto è rilasciato tramite un modulo sotto forma di atto pubblico.

Se non è previsto un modulo specifico, i dati di stato civile sono rilasciati tramite conferme o attestazioni scritte oppure tramite copie o trascrizioni autenticate delle iscrizioni o dei documenti giustificativi.

Di regola solo il diretto interessato ha diritto di ricevere gli atti di stato civile personali.

Quando più persone sono direttamente coinvolte in un evento o in un’informazione, ognuna di queste persone deve acconsentire alla divulgazione dell’atto.

L’Ufficio dello stato civile può divulgare informazioni o rilasciare certificati a privati solamente se:

  • è accertato un interesse diretto e degno di protezione;
  • non è possibile o non si può ragionevolmente pretendere di ottenere i dati direttamente dalla persona interessata.

Una persona indirettamente coinvolta in un evento o in un’informazione ha diritto di ottenere i dati o gli atti se:

  • ha una procura firmata da parte della persona direttamente interessata;
  • attesta un interesse diretto e degno di protezione;
  • non è possibile ottenere i dati presso la persona interessata o non si può ragionevolmente pretenderlo;
  • la persona direttamente convolta è deceduta.

Il diritto a ricevere informazioni non dipende dalla cittadinanza.

Se sei straniero e hai un legame con un cittadino svizzero e/o hai avuto in passato un evento di stato civile in Svizzera che è documentato nel Registro dello stato civile, hai il diritto di chiedere informazioni e di ricevere gli atti da parte dell’Ufficio dello stato civile svizzero.

Esempi pratici:

  1. Chi può ottenere i dati di un riconoscimento o di un accertamento della paternità?
    I dati possono essere comunicati al figlio e al padre.
     
  2. I dati di un riconoscimento devono essere trasmessi anche alla madre, sebbene la madre non sia direttamente coinvolta nell’evento?
    Certamente. Sebbene la madre non sia direttamente coinvolta, i dati relativi al riconoscimento del proprio figlio devono essere comunicati anche a lei.
     
  3. I gentori di una persona che ha riconoscuto un figlio devono venire a saperlo?
    I genitori della persona che ha riconosciuto un figlio non hanno alcun diritto a prendere conoscenza di questo evento, nonostante i loro dati siano stati trattati per la procedura di documentazione nel Registro dello stato civile.
     
  4. Chi può ottenere i dati documentati in occasione della nascita e del sorgere del solo rapporto di filiazione materna?
    I dati possono essere comunicati al figlio e alla madre.
     
  5. Chi può ottenere i dati documentati in occasione del sorgere di un rapporto di filiazione?
    I dati possono essere comunicati al padre, alla madre e al figlio.
     
  6. Chi può ottenere i dati documentati in occasione della celebrazione di un matrimonio?
    I dati possono essere comunicati al marito e alla moglie, anche dopo lo scioglimento del matrimonio.

    Sebbene in occasione della celebrazione del matrimonio vengano trattati i dati di stato civile dei genitori degli sposi, essi non hanno alcun diritto di prendere conoscenza della celebrazione del matrimonio del proprio figlio.
     
  7. Chi può ottenere un atto di morte all’Ufficio dello stato civile?

    L’atto di morte può essere richiesto:
  • dagli eredi legali del defunto, quindi dal congiunto del defunto;
  • dai discendenti del defunto;
  • dai genitori del defunto;
  • dai fratelli o dalle sorelle del defunto;
  • da una terza persona, a condizione che essa sia stata ufficialmente incaricata dagli eredi tramite procura.

I tribunali e le autorità amministrative possono sempre richiedere informazioni sul singolo cittadino a condizione che i dati di stato civile richiesti siano indispensabili all’esercizio dei propri compiti legali.

La divulgazione di dati dello stato civile a privati è possibile solo se:

  • è dimostrato un interesse diretto e degno di protezione;
  • non è possibile ottenere i dati direttamente dalla persona interessata o non si può ragionevolmente pretenderlo.

Il rappresentante legale che rappresenta un privato ha gli stessi diritti del suo rappresentato.

I dati dello stato civile possono essere divulgati se è accertato un interesse diretto e degno di protezione.

Per farlo, il rappresentante legale deve allegare la procura/la credenziale di nomina e indicare il motivo della richiesta.

La richiesta di un documento di una terza persona (maggiorenne) deve sempre essere accompagnata da una procura o da una dichiarazione scritta firmata da tutte le persone ancora in vita che figurano sul documento.

I ricercatori possono ricevere informazioni e documenti di stato civile di terze persone solamente se non possono ottenerli direttamente dalle persone interessate.

La divulgazione di queste informazioni deve sempre essere autorizzata dall’Autorità di vigilanza dello stato civile.

I dati sono divulgati secondo il diritto della protezione dei dati che impone le seguenti regole:

  • i ricercatori devono anonimizzare i dati ricevuti appena lo permette lo scopo del trattamento;
  • senza un esplicito consenso da parte dell’Ufficio dello stato civile, i ricercatori non possono per nessun motivo comunicare le informazioni ricevute a terze persone;
  • se i risultati vengono pubblicati, i ricercatori devono garantire l’anonimato delle persone interessate.

Il cittadino non può rivolgersi sistematicamente all’Ufficio dello stato civile per svolgere una ricerca genealogica.

I dati personali possono essere divulgati da parte dell’Ufficio dello stato civile solo se:

  • è dimostrato un interesse diretto e degno di protezione;
  • le informazioni non possono essere ottenute dalle persone interessate.

L’Ufficio dello stato civile non può fornire informazioni di persone ancora in vita: queste informazioni sono da chiedere direttamente alla persona interessata o ai suoi discendenti.

L’Ufficio dello stato civile prenderà tutte le misure necessarie per assicurarsi che la persona che chiede informazioni sia veramente autorizzata a farlo.

La persona che chiede i dati deve attenersi al segreto assoluto in merito a fatti sconosciuti al pubblico e per i quali la famiglia interessata ha espressamente richiesto il divieto di pubblicazione.

Inoltre, la persona che richiede i dati dovrà renderli anonimi non appena lo scopo del suo lavoro e/o ricerca lo permettono.

I dati trovati possono essere pubblicati solo con il consenso degli interessati.

Sezione della popolazione

Via Lugano 4
6500 Bellinzona

Capo Sezione
Silvia Gada

Passaporto e carta d'identità

Naturalizzazioni

Permessi per stranieri

Come possiamo aiutarti?

Aiutaci a migliorare

Non hai trovato quello che cercavi?