Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Prestazioni di servizio educativo

Le prestazioni di servizio educativo offrono un accompagnamento educativo individuale e personalizzato ai minorenni nel loro contesto famigliare e ambientale. Sostengono al contempo i genitori nella presa in carico quotidiana dei figli e nel mantenimento delle relazioni personali durante lo svolgimento dei diritti di visita protetti. Le prestazioni sono assicurate e sussidiate da parte del Cantone.  

Servizio di accompagnamento educativo (SAE)

Di cosa si occupa il Servizio di accompagnamento educativo (SAE)?

Il SAE è una prestazione di tipo educativo che rientra tra le misure di protezione dei minorenni. Il Servizio offre alle famiglie e ai minorenni che stanno vivendo una situazione di difficoltà un accompagnamento professionale e personalizzato al loro domicilio, con lo scopo di aiutare la famiglia a svolgere la sua funzione educativa e di accompagnare i minorenni nel loro sviluppo personale, fungendo da mediatori e facendo emergere le risorse presenti all’interno del nucleo famigliare.

Quando e come viene attivato?

Il Servizio viene attivato quando si considera utile o necessario sostenere la famiglia affinché possa attingere alle proprie risorse e svilupparle, consentendo ai minorenni di crescere in modo armonioso e ai genitori di sentirsi sicuri e sereni nel proprio ruolo genitoriale. 

  • L’attivazione è anticipata da una segnalazione o da una richiesta di aiuto.
  • Se il bisogno viene confermato, la famiglia viene affiancata da un assistente sociale di riferimento, che si occuperà di coordinare il progetto. L’inizio del progetto di accompagnamento dipende dalla disponibilità del Servizio e da eventuali tempi di attesa, che tuttavia non dovrebbero eccedere alcune settimane/mesi.
  • Ogni famiglia è in seguito accompagnata da un educatore di riferimento, a cui può rivolgersi in qualsiasi momento e in caso di necessità.

Chi può richiederne l’attivazione?

  • La famiglia: se una famiglia incontra delle difficoltà nell’educazione del proprio figlio può contattare le autorità, in particolare l'Ufficio dell'aiuto e della protezione (UAP), segnalare la situazione e chiedere di poter attivare il supporto del SAE. In tal caso, viene sentito anche il parere del figlio minorenne.
  • I professionisti che si occupano della cura e dell’educazione dei minorenni (scuole, consultori, studi medici, ecc.). 
  • Il minorenne stesso.

Quali prestazioni offre?

Il Servizio:

  • propone degli incontri periodici con la famiglia, il minorenne e l’ente di riferimento in cui vengono discussi gli obiettivi del progetto;
  • realizza delle visite settimanali a domicilio, secondo orari flessibili;
  • organizza delle attività specifiche con la famiglia e i minorenni, a dipendenza dei bisogni individuali;
  • propone anche delle attività di sostegno educativo a gruppi di famiglie e di minorenni suddivisi per fasce d’età.

A chi spettano le spese?

Le spese sono assunte in gran parte dal Cantone. Alla famiglia viene chiesto un contributo finanziario unico di 50 fr.

I professionisti del Servizio hanno una formazione specifica?

Di regola il Servizio, oltre alla Direzione e al persoanle amministrativo, è composto da educatori. Inoltre possono essere presenti psicologi e psicoterapeuti. 

Tutto il personale che si occupa direttamente dell’accompagnamento delle famiglie dispone di una formazione specifica.

Il Servizio è sottoposto ad una vigilanza cantonale?

Il SAE rientra nel dispositivo delle strutture di protezione dei minorenni autorizzate. L’Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani (UFaG) è l'autorità cantonale di riferimento e in situazioni particolari viene sempre coinvolto. L’UFaG intrattiene contatti regolari con il Servizio e almeno una volta ogni due anni svolge una vigilanza. Durante la vigilanza, può incontrare gli ospiti della CSUM e il personale educativo.

In generale, l’Ufficio vigila affinché i diritti delle famiglie e dei minorenni vengano rispettati e promossi durante il loro accompagnamento. In base ai bisogni del settore della protezione dei minorenni, sviluppa inoltre nuove offerte educative.

Link e approfondimenti

A chi rivolgersi

Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani
Viale Officina 6
6501 Bellinzona

tel. +41 91 814 71 51
fax dss_ufag.fax@ti.ch
dss-ufag@ti.ch

Divisione dell'azione sociale 
e delle famiglie

Per rendere più agevole la lettura dei contenuti del presente portale, i soggetti femminili e maschili sono stati designati con il genere maschile.

Per segnalazioni e domande riguardanti il sito:
dss-infosocialita(at)ti.ch

Viale Officina 6
6501 Bellinzona 

Direzione e segreteria generale
tel. +41 91 814 70 11
dss-dasf(at)ti.ch

Newsletter Infosocialità