Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Alpeggio

Nei cantoni alpini l'estivazione degli animali rappresenta una pratica zootecnica tradizionale, volta a sfruttare i vastissimi pascoli montani e alpini che offrono ai nostri animali da reddito abbondante foraggio di elevato pregio. La confluenza di animali provenienti da varie aziende sui nostri alpeggi costituisce tuttavia un potenziale pericolo per la diffusione di malattie infettive. Allo scopo di preservare la sanità degli animali in queste condizioni, l'Ufficio del veterinario cantonale emana annualmente le "Disposizioni d'alpeggio".

Al di là della prevenzione delle epizoozie ufficiali, il problema di maggiore rilevanza durante il periodo dell'estivazione è costituito dalle mastiti. L'agente infettivo più importante per l'insorgenza delle mastiti è lo stafilococco aureo in particolare genotipo B (SAGB).

In Ticino, il Progetto di risanamento dallo SAGB ha permesso di ridurre di oltre il 95% la prevalenza del batterio nelle bovine da latte e grazie alle disposizioni d’alpeggio e alla collaborazione degli allevatori è stato possibile, nella stagione d’alpeggio 2018, prevenire nuove infezioni nelle mandrie estivate.

Anche nel 2019 l’Ufficio del veterinario cantonale inserito nelle disposizioni d’alpeggio delle disposizioni specifiche per mantenere liberi dallo SAGB gli alpeggi ticinesi.