Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Importazione ed esportazione di cavalli

Per il trasporto di cavalli all’estero si applicano particolari disposizioni.

Alle persone che intendono per esempio partecipare a concorsi ippici all’estero si raccomanda caldamente di informarsi per tempo sulle disposizioni legali vigenti nel Paese della manifestazione. Se tali trasporti sono classificati dalle autorità locali come professionali ai sensi della legislazione europea, deve essere richiesta un’autorizzazione al servizio veterinario cantonale competente anche nel caso in cui il diritto svizzero non lo consideri un trasporto professionale (non soggetto all’obbligo di autorizzazione) (cfr. art. 170 cpv. 1 OPan).

Ad esempio in Italia la partecipazione a concorsi ippici e ad allenamenti è considerata attività economica ai sensi del regolamento (CE) 1893/2006 e i relativi trasporti di cavalli non possono approfittare della deroga all’art. 1 cpv. 5 del regolamento (CE) 1/2005 (trasporto a titolo privato).

ATTENZIONE: Nel traffico transfrontaliero i cavalli vengono considerati come merci e sottostanno, oltre alla legislazione veterinaria, anche alla legislazione doganale. È pertanto necessario informarsi in anticipo circa le procedure doganali necessarie per il paese di destinazione e il successivo rientro in Svizzera.

Per maggiori informazioni si possono consultare le informazioni della Direzione delle dogane al seguente indirizzo:

www.ezv.admin.ch

Le presenti informazioni si rivolgono a tutte le persone che devono effettuare un trasporto di cavalli verso l’estero o di ritorno verso la Svizzera.

Genere viaggio

Il trasporto può essere considerato come trasporto a titolo privato se non legato ad attività economiche. È importante però che sia il veicolo sia il rimorchio siano registrati a nome del conducente. L’utilizzo di veicolo/rimorchi registrati a nome di una società rientra già nella categoria di trasporto professionale, anche se il conducente è il presidente o un membro della società!

Requisiti del conducente: patente di guida valida;
Requisiti del veicolo/rimorchio: omologazione per il trasporto di animali vivi (carta grigia);
Documentazione per il trasporto: passaporto per equidi e certificato sanitario tipo allegato II rilasciato dall’UVC (valido 10 giorni) per ogni cavallo trasportato.

Il trasporto viene già considerato come trasporto professionale, anche se l’amico per cui stiamo trasportando il cavallo non effettua nessun tipo di pagamento per la prestazione! È necessaria un’autorizzazione per il trasporto di animali vivi di tipo 1. L’Ufficio del veterinario cantonale esegue un’ispezione per la verifica dell’idoneità del veicolo come condizione per il rilascio dell’autorizzazione.

Requisiti del conducente: patente di guida valida e certificato di idoneità rilasciato dall’UVC in base al patentino di trasportatore professionale della Società svizzera dei negozianti di bestiame;
Requisiti del veicolo/rimorchio: omologazione tipo 1 per il trasporto di animali vivi;
Documentazione per il trasporto: autorizzazione tipo 1 per trasporti su brevi distanze, passaporti per equidi e certificato TRACES o tipo allegato II per tutti i cavalli trasportati.

Anche questo tipo di trasporto viene considerato come trasporto professionale, anche se l’amico che ci ha prestato gratuitamente il veicolo/rimorchio! È necessaria un’autorizzazione per il trasporto di animali vivi di tipo 1. L’Ufficio del veterinario cantonale esegue un’ispezione per la verifica dell’idoneità del veicolo come condizione per il rilascio dell’autorizzazione.

Requisiti del conducente: patente di guida valida e certificato di idoneità rilasciato dall’UVC in base al patentino di trasportatore professionale della Società svizzera dei negozianti di bestiame;
Requisiti del veicolo/rimorchio: omologazione tipo 1 per il trasporto di animali vivi;
Documentazione per il trasporto: autorizzazione tipo 1 per trasporti su brevi distanze; passaporti per equidi e certificato TRACES o tipo allegato II per tutti i cavalli trasportati.

Se si trasporta un cavallo per oltre 50 Km oltre il confine, ma comunque per una durata di meno di 8 ore, è necessaria un’autorizzazione da parte dell’Ufficio del veterinario cantonale che certifica un trasporto riguardoso delle esigenze dell’animale (tipo 1). L’autorizzazione è legata al conducente e al veicolo/rimorchio. L’Ufficio del veterinario cantonale esegue un’ispezione per la verifica dell’idoneità del veicolo come condizione per il rilascio dell’autorizzazione.

Requisiti del conducente: patente di guida valida e certificato di idoneità rilasciato dall’UVC in base al patentino di trasportatore professionale della Società svizzera dei negozianti di bestiame;
Requisiti del veicolo/rimorchio: omologazione tipo 1 per il trasporto di animali vivi;
Documentazione per il trasporto: autorizzazione tipo 1 per trasporti su brevi distanze, passaporti per equidi e certificato TRACES o tipo allegato II per tutti i cavalli trasportati.

Poiché i trasporti su lunghe distanze sono eventi molto stressanti per gli animali, essi possono essere eseguiti solo da persone formate che dispongono di veicoli adatti e che sono stati autorizzati dall’Ufficio del veterinario cantonale (autorizzazione tipo 2). I veicoli devono soddisfare i criteri fissati dal regolamento (CE) nr. 1/2005 sulla protezione degli animali durante il trasporto e le operazioni correlate. L’Ufficio del veterinario cantonale esegue un’ispezione per la verifica dell’idoneità del veicolo come condizione per il rilascio dell’autorizzazione.

Requisiti del conducente: patente di guida valida e certificato di idoneità rilasciato dall’UVC in base al patentino di trasportatore professionale della Società svizzera dei negozianti di bestiame;
Requisiti del veicolo/rimorchio: omologazione tipo 2 per il trasporto di animali vivi;
Documentazione per il trasporto: autorizzazione tipo 2 per trasporti su brevi distanze valida, piano d’emergenza relativo al viaggio, giornale di viaggio, passaporti per equidi e certificato TRACES o tipo allegato II per tutti i cavalli trasportati.

Inoltre su richiesta delle autorità di controllo deve poter sempre essere presentata la documentazione riguardante la registrazione datata delle temperature negli scomparti di trasporto degli animali e la registrazione del tragitto realizzata con il sistema di navigazione satellitare, così come il foglio di stampa del cronotachigrafo.

Conoscere le prescrizioni

L’UVC rilascia il certificato di idoneità per conducenti e guardiani di animali ai sensi dell’art. 17 par. 2 del regolamento (CE) 1/2005 in base al patentino della Società svizzera dei commercianti di bestiame ottenuto frequentando un corso approvato dall’Ufficio federale di sicurezza alimentare e veterinaria. Le date dei corsi sono visibili al seguente link:
www.viehhandel-schweiz.ch
Il certificato di idoneità ha una validità di 3 anni.

L’UVC esegue un’ispezione per verificare che il veicolo soddisfi i requisiti posti sia dalla legislazione veterinaria svizzera sia dal regolamento (CE) 1/2005. Ai seguenti link sono riportate le informazioni riguardanti i requisiti svizzeri (www.blv.admin.ch) e i requisiti europei (www.eur-lex.europa.eu). Il certificato di omologazione del veicolo viene rilasciato una tantum e deve essere rinnovato unicamente in caso di cambiamento di proprietà del veicolo o in caso esso venga modificato.

L’UVC rilascia l’autorizzazione per il trasporto di animali vivi a persone fisiche o giuridiche che trasportano animali per proprio conto o per conto terzi. In base alla durata del viaggio verrà rilasciata un’autorizzazione tipo 1 (viaggi di meno di 8 ore) o tipo 2 (viaggi oltre 8 ore). L’autorizzazione ha una validità di 5 anni.

Il certificato TRACES è un certificato sanitario per lo scambio intracomunitario con il quale si certifica la buona salute e l’idoneità al trasporto degli animali. Esso è obbligatorio nel caso di un’importazione o esportazione definitiva, nel caso in cui il soggiorno all’estero duri più di 10 giorni e nel caso di un trasporto professionale da parte di terzi. Il certificato è da richiedere all’UVC tramite l’apposito formulario.

Il certificato tipo allegato II della Direttiva 2009/156/CE è una forma semplificata del certificato TRACES ed è utilizzabile nel caso di importazioni od esportazioni temporanee. Il certificato ha infatti una validità di 10 giorni. Esso è ottenibile presso l’UVC inoltrando un certificato veterinario di buona salute redatto dal veterinario di fiducia e indicante il numero di passaporto del cavallo e il suo numero di microchip.

La persona che pianifica un viaggio di oltre 8 ore deve allestire un giornale di viaggio composto da 5 sezioni:
Sezione 1 – Pianificazione
Sezione 2 – Luogo di partenza
Sezione 3 – Luogo di destinazione
Sezione 4 – Dichiarazione del trasportatore
Sezione 5 – Relazione sulle anomalie

Esso deve essere presentato all’UVC per la convalida del viaggio almeno due giorni prima della partenza. Una volta che gli animali sono arrivati a destinazione, il detentore del luogo di destinazione o il veterinario ufficiale controlla gli animali e compila la sezione 3 e, se del caso, la sezione 5, mentre il trasportatore compila la sezione 4. L’originale del giornale di viaggio viene conservato dal detentore del luogo di arrivo per almeno 3 anni. Il trasportatore ne conserva una copia e la inoltra all’UVC entro un mese dalla data di arrivo.
IL GIORNALE DI VIAGGIO NON È NECESSARIO SE SI TRASPORTANO EQUIDI REGISTRATI.

(modello giornale di viaggio in allestimento)

Poiché durante i trasporti di animali su lunghe distanze possono verificarsi inconvenienti che possono influire negativamente sullo stato del benessere degli animali trasportati, il regolamento (CE) 1/2005 richiede la disponibilità di piano di emergenza allestito per ogni viaggio nel quale vengono specificate le misure da prendere nel caso il veicolo si guasti o gli animali non possono proseguire il viaggio. In esso vi sono iscritti i recapiti telefonici di emergenza su territorio nazionale e internazionale, da aggiornare ogni volta a seconda del viaggio da intraprendere e dei paesi attraversati.

(modello piano di emergenza in allestimento)